Blog

Affitto appartamento nel Regno Unito: sapere quali diritti e obblighi avete

Non importa se affittate una casa, un appartamento, una stanza o uno studio, queste informazioni vi aiuteranno in qualunque situazione.

I problemi principali che vengono solitamente presentati dal proprietario sono le riparazioni della casa, la restituzione del deposito, l’aumento del prezzo di affitto, il contratto illegale (o inesistente) o il fatto che il proprietario sia un tipo particolare.

Quindi, cosa puoi fare per evitare questi problemi o risolverli direttamente?

Bene, inizia col sapere che la legge nel Regno Unito rende molto chiare le procedure da eseguire in ognuno di questi casi, quindi seguendoli non dovresti avere problemi particolari.

Ecco cosa devi sapere quando prendi in affitto un appartamento nel Regno Unito

Per quanto riguarda il deposito
Dal 6 aprile 2007, esiste il TDP (Tenancy Deposit Scheme) che afferma che il proprietario della casa deve mantenere il deposito o assicurarlo. Pertanto, non può spenderlo e, una volta firmato il contratto, è tenuto a comunicarti entro un periodo massimo di 30 giorni come lo ha assicurato.

Se ha violato questa parte dei suoi doveri come proprietario, puoi rivolgerti al tribunale più vicino. In questo caso, il giudice potrebbe costringerlo a darti il valore triplo della tua cauzione, quindi sarebbe più che redditizio. Controlla tutte le informazioni necessarie sul TDP.

Tuttavia, ci sono anche casi in cui il proprietario ha tutto il diritto di sottrarre una certa somma dal deposito.

Per quanto riguarda le riparazioni e guasti
In teoria l’alloggio dovrebbe essere in condizioni perfette per l’affitto, ma la pratica è spesso molto diversa.

È possibile che i proprietari facciano i pazzi se gli dici che la cisterna perde acqua, che ci sono nuove macchie di umidità, che il riscaldamento non funziona e stai prendendo la polmonite o che la vasca da bagno fa venire i crampi.

Tuttavia, il governo non tollera questi comportamenti ed è molto chiaro che i proprietari sono responsabili per il danno alla casa (almeno quelli che non sono causati da te).

In particolare, sono responsabili di: Struttura ed esterno, vasche da bagno, servizi igienici, tubi, scarichi, riscaldamento, caldaie, acqua calda, impianti a gas, ventilazione, impianto elettrico e tutto ciò che vi riguarda, oltre ai danni causati da ristrutturazioni approvate dal padrone di casa.

Naturalmente, tieni presente che se si avvia una ristrutturazione e il proprietario non ha dato la sua approvazione, sarai responsabile di tutte le spese.

Dovresti anche sapere che, in caso di emergenza, hai il diritto di chiamare la compagnia dell’acqua, del gas, ecc …, informando il proprietario dell’evento e dell’importo totale. Secondo le leggi in vigore, se il guasto è stata causato dalla mancata manutenzione che tocca al proprietario, questo è obbligato a pagare l’importo o detrarlo dall’affitto.

Cosa fare se il proprietario si rifiuta di pagare
La prima cosa è che la tua comunicazione al proprietario avvenga in tempo e almeno un paio di volte. Se il problema non ti viene risolto, minaccia di avvisare il council o l’ufficio legislativo più vicino.

Se niente succede, come ti devi comportare? Bene, informa il council. Chiedi informazioni su come e quanto sarebbero state eseguite le riparazioni. Puoi chiedere di detrarre la somma dal tuo affitto oppure di fartelo abbassare.

Nemmeno così risolvi? Bene, intraprendi un’azione legale. Se riesci a dimostrare che hai avuto problemi di salute perché il proprietario non ha risolto alcuni problemi, (come il riscaldamento, per esempio) e ti sei preso un’influenza o un forte raffreddore, il proprietario sarà multato fino a £ 5.000.

Per quanto riguarda gli incidenti causati dal proprietario
Una legge inglese del 1977 afferma chiaramente che è considerata molestia da parte del proprietario quando “ci si comporta in modo da interferire con la pace e / o il comfort dell’inquilino o di tutti coloro che vivono con lui.”

La verità è che non è sempre facile dimostrare che il proprietario abbia causato problemi, ma comunque do seguito indichiamo una lista di cose che il padrone di casa non può fare:

– Non è autorizzato a entrare nella proprietà, senza aver avvisato almeno un giorno prima.
– Non è consentito mettere altri inquilini a casa senza preavviso.
– Qualsiasi tipo di discriminazione è espressamente vietata, ancor più grave se si tratta di motivi razziali, sessuali o religiosi.
– Non ha autorità per chiederti di rinunciare ai tuoi diritti di inquilino.
– Non può impedire a qualcun altro di entrare in casa con il titolo di “ospite”.
– Non può curiosare nella tua posta. Quella è la tua proprietà privata e può essere multato.

Se vuoi reclamare qualcosa davanti a un tribunale, ricorda di raccogliere le prove precedenti in modo che non sia così complicato provare ciò che dici.

Al momento di lasciare la casa
Potremmo dire che in questo momento iniziano i problemi.

Devi tenere a mente che ci sono persone molto rancorose nel mondo, e se hai avuto problemi durante il periodo del contratto con il tuo padrone di casa, probabilmente non ti renderà le cose facili.

Cosa potrebbe fare il padrone di casa per infastidirti? Aumentare l’affitto in modo che tu non possa permettertelo, non voler rinnovare il contratto o, a mio parere, la cosa peggiore, darti delle referenze negative.

Come probabilmente hai già sperimentato, l’Inghilterra è un paese in cui ti vengono chieste referenze per assolutamente tutto e anche quando vuoi futtare un appartamento. Questo ti potrebbe causare problemi nel trovare una nuova casa, in questo caso l’affittuario non è protetto perché si tratterà di avere una parola di una persona contro quella di unìaltra persona.

Ad ogni modo, se vedi che avrai davvero problemi di questo tipo, inizia a cercare affitti di bassa durata o contattaci per essere guidato.

Non vogliamo darti una brutta impressione riguardo ai padroni di casa, la maggior parte delle persone non ha problemi durante la loro permanenza in Inghilterra, abbiamo citato dei casi solo per essere informati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *