Blog

L’aeroporto di Gatwick

Il nome Gatwick viene da molto lontano nel tempo: niente di meno che il 1241 , deriva da un feudo esistente fino al diciannovesimo secolo. Il significato viene da qualcosa come “recinto per bestiame”: derivato dai termini gāt (goat) e wīc (stay) del vecchio inglese.

L’ aeroporto in quanto tale cominciò ad esistere alla fine degli anni 20, ed ha ottenuto la licenza per operare voli nel 1930.

Nel 1933, il Ministro dell’Aeronautica inglese approvò l’arrivo e la partenza dei voli commerciali nell’aeroporto. L’anno seguente, l’allora proprietario di Gatwick (Morris Jackaman) ottenne la licenza di aerodromo pubblico.

Un paio d’anni dopo Gatwick ebbe la sua stazione ferroviaria, dove arrivavano due treni all’ora dalla stazione di Victoria. In seguito si aprì la stazione di Tinsley Green, a meno di un miglio di distanza con la quale Gatwick era perfettamente connesso.

L’aeroporto non ha smesso di crescere fin quasi dalla sua fondazione, nonostante i problemi che ci sono stati perché è dotato di una sola pista.

Tanto che nel 2014 ha battuto un record senza precedenti: 906 voli in partenza e in arrivo il giorno ​​29 agosto, uno ogni 63 secondi in media. Gatwick è stato il primo aeroporto con una sola pista ad avere un tale traffico.

Essendo il secondo aeroporto più trafficato di tutto il Regno Unito, è logico capire che il numero di compagnie aeree che arrivano e partono da Gatwick non è piccolo.

Tra le tante compagnie, le più grandi sono British Airways, US Airways, Air Europa, Lufthansa, SAS, Qatar Airways e Virgin Atlantic, e altre a basso costo: come l’irlandese Ryanair, Vueling e Norwegian Air Shuttle.

Il governo aveva l’intenzione di costruire una seconda pista e di iniziare i lavori nel 2019, ma i residenti del posto hanno protestato bloccando preventivamente questa decisione.

Alla fine il governo inglese decise di espandere gli aeroporti di Stansted e Heathrow , lasciando Gatwick così com’è. Naturalmente, i gestori dell’aeroporto hanno fatto una nuova richiesta per costruire una nuova pista verso sud, lasciando intatte le città di Charlwood e Hookwood (la più vicina).

Il traffico che si muove da e verso Gatwick è di almeno 30 milioni di passeggeri all’anno e offre più di 200 destinazioni. I voli charter devono infatti arrivare a Gatwick, perché a Heathrow non possono atterrare.

In breve, Gatwick non è una cattiva opzione per viaggiare a Londra, offre molte voli e raggiungere il centro dall’aeroporto non è complicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *