Blog

Lavorare a Londra: l’esempio di Anna

Londra attrae molti italiani ogni anno per godere delle numerose attività turistiche e culturali della capitale. Alcuni decidono addirittura di tentare la fortuna e andare alla ricerca di un lavoro per provare lo stile di vita inglese. Questo è il caso di Anna che è andata a lavorare a Londra per un anno e ci racconta in questo articolo come ha vissuto questa esperienza.

Lavorare a Londra secondo Anna

Ciao, puoi presentarti?
Ciao! Mi chiamo Anna, ho 28 anni e vengo da Bologna. Ho studiato comunicazione e sono stato nel mondo del lavoro da quando avevo 19 anni. Ho lavoro come direttore per diversi punti di restauro, hostess, ho organizzato la mia associazione di eventi sul cinema a Bologna, che è durata 3 anni e sono poi partita per Londra. Sono tornata in Italia dal luglio 2017. Nel frattempo ho viaggiato negli Stati Uniti, in Giappone, in Nuova Zelanda … Insomma, ho la sindrome di fidget! Non posso mai rimanere molto a lungo in un posto.

Perché sei andata in Inghilterra? E perché hai scelto Londra?
Dunque, il mio primo viaggio a Londra ha avuto luogo quando ero al college. Nel terzo esattamente. Sono rimasta solo una settimana e sono stata in una famiglia ospitante, ma mi sono totalmente innamorata di questa città! Poi ho portato la mia famiglia con me, dove abbiamo trascorso una settimana fantastica durante il periodo natalizio. Tutto era magico! A 18 anni, volevo trasferirmi lì ma da sola, non ho mai avuto il coraggio … me ne pento ora! Quindi per anni ho avuto la voglia di trasferirmi permanentemente lì. La mia passione per il cinema è cresciuta e ho scoperto eventi cinematografici a Northampton, Londra, Birmingham. Andavo a Londra almeno una volta ogni due mesi, fino a quando ho avuto l’opportunità di partire per due mesi a Reading come insegnante di inglese. Ho vissuto due mesi in una famiglia inglese e poi mi sono convinta che finalmente potevo partire per sempre verso Londra.

Londra è tutto ciò che amo: una città libera, tollerante e pazza! Non ci si annoia mai! Sono una fan del cinema e del teatro. Posso dirti che in questa città ho trascorso metà del mio tempo a incontrare professionisti del cinema e della musica e ho potuto creare un piccolo gruppo di amici in questo campo. Ogni fine settimana andavo nei pub e nei night club (ci sono eventi ogni giorno a Londra!). Amo la cultura britannica! E trovo che gli inglesi siano così gentili, dunque è molto facile fare amicizia.

Ci sono stati preparativi speciali da fare?
Non particolarmente, l’Inghilterra era ancora nell’eurozona (eviteremo di discuterne …) quindi solo una carta di identità per entrare nel paese. Si dice che piova tutto il tempo a Londra, ma è completamente sbagliato. Sono persino riuscita ad abbronzarmi, quindi i vestiti utilizzati in italia, vanno molto bene.

Hai vissuto uno shock culturale significativo?
No, affatto! Gli inglesi sono aperti. Se hai qualche preoccupazione, puoi chiedere a qualsiasi sconosciuto e avrai sicuramente un aiuto. Se ti perdi, ti accompagna dove vuoi andare, ti mostra la strada. E non in 1 minuto. Non hanno mai fretta. Sorridono tutto il tempo.

Cosa ti è piaciuto di più della tua nuova vita?
Londra è una destinazione popolare ed è bello fare shopping o visitare musei quando ci sono meno persone. Nei fine settimana incontravo i miei amici ed era bello vedere tutti al pub. Trovo Londra molto amichevole! A volte andavo anche a visitare altre città come Oxford, Cambridge … Sono anche appassionata di letteratura e nella cultura inglese, ci sono tantissimi autori da poter studiare. Puoi visitare molti luoghi legati ai romanzi di Tolkien, Jane Austen … Ho amato vivere questa vita a 100 all’ora. Non mi sono mai chiesta “Sono annoiata”, “Oggi riposo”. In Inghilterra queste frasi non esistono!

C’è qualcosa che non ti è piaciuto?
Quello che non mi piace è difficile mettere da parte soldi. Ci sono troppe cose da fare e così lo stipendio va via molto velocemente perché la vita è costosa … ristoranti, musical, in un solo giorno puoi anche trovarti a spendere più di 100 sterline …

Ho anche odiato il sistema sanitario. I medici spesso bisogna prenotarli con settimane o mesi di anticipo. Bisogna limitarsi quando ci si ammala, il rimedio preferito per i medici è bere tè e riposare … Puoi avere qualsiasi cosa, niente è serio per loro! Per fissare un appuntamento velocemente, devi sperare che un paziente abbia annullato per prendere il suo posto …

Com’è il mercato del lavoro a Londra?
Tutto si muove! Ci sono così tante persone che lasciano il lavoro che è facilissimo prendere il loro posto. Molto più facile lavorare nella ristorazione e nelle vendite. Non guardiano al diploma o alla laurea, ma principalmente all’esperienza, alle capacità personali e alla voglia di fare. Puoi iniziare con un semplice lavoro per poi ritrovarti a fare il Manager in una grande società.

Concretamente, quanto ci vuole per avere un buon comfort abitativo a Londra?
Dunque, una stanza in condivisione, se sei fortunato costa circa 600 sterline. Dopotutto dipende dall’area in cui vivi. Anche le spese di trasporto sono orribilmente costose. Circa 120 sterline al mese. Ci sono anche negozi, telefonia e tutte le altre spese in aggiunta. Francamente, per avere un buon comfort di vita, dovresti guadagnare almeno 2.000 sterline.

Un’ultima parola, un ultimo consiglio?
Smetti di esitare! Sei solo tu a mettere un freno alla tua nuova vita! Londra non è lontana dall’Italia, se c’è un problema puoi tornare rapidamente a casa.

Sono stata a Londra per un anno, è stata una bella esperienza e non mi sono mai stanata di essere lì! Sono tornata in Francia per non restare ma per ripartire di nuovo tra 4 mesi in direzione del Canada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *