Blog

Sei interessato a lavorare a Londra come Cameriere?

Quali qualità bisogna avere per lavorare a Londra come Cameriere?

Il cameriere  è il professionista che è fondamentalmente responsabile per il servizio ai clienti in un bar, in una caffetteria, in un ristorante o in un hotel.

  • Queste posizioni richiedono una buona dose di dinamismo, una buona memoria, una certa energia e un senso del servizio: il contatto con i clienti è permanente e devi anche sapere come lavorare in una squadra.
  • Il cameriere quando inizia a lavorare, esegue le prime semplici attività e partecipa alla vita del ristorante.
  • Prima dell’apertura, il cameriere partecipa alla preparazione dei tavoli e alla pulizia del ristorante. Durante il servizio porta pane, ecc. sui tavoli e sbarazza i piatti. Alla chiusura, il cameriere partecipa alla riassetto della sala.
  • Con un po’ più di esperienza e con una maggiore conoscenza della lingua inglese, il cameriere può diventare perso Manager del ristorante, infatti a Londra vi è un sistema meritocratico, dove chi sa districarsi meglio può raggiungere qualsiasi posizione anche partendo dalla posizione più bassa.
  • Per soddisfare al meglio tutte queste responsabilità, il cameriere deve essere disciplinato, veloce ed efficiente. Deve inoltre essere sempre cordiale e attento ai clienti. Infine, il cameriere deve approfittare e imparare dai suoi superiori tutti i trucchi del mestiere.
  • Il lavoro di cameriere di ristorante o di cameriera in albergo, consente di avere un contatto privilegiato con i clienti, è molto pesante, quindi richiede una buona resistenza fisica e deve essere anche disposto ad adattarsi agli orari di lavoro programmati durante la settimana, infine, deve essere paziente e motivato.

Le 10 qualità del perfetto cameriere

1- Avere buone capacità di comunicazione.

Sii gentile, paziente e tollerante. Amichevole per creare una buona empatia con i clienti, paziente per sapere come soddisfare i bisogni e le richieste e tollerante quando si tratta di quei commensali più difficili. Il buon cameriere è colui che ha sempre un sorriso sulle labbra, quindi al momento della selezione ricorda questa massima: è molto più facile insegnare a una persona con queste qualità il lavoro che viene svolto quotidianamente in un ristorante, che trasforma un persona molto preparata ed esperta, ma seria e senza carisma ad essere amichevole e sorridente.

2- Impegnati nel tuo lavoro.

Il cameriere deve essere consapevole che le vendite nel bar o nel ristorante sono direttamente collegate al suo atteggiamento nei confronti del cliente, vale a dire che il suo lavoro non consiste solo nel servire i tavoli, ma è una parte fondamentale del business.

3- Sapere come gestire bene lo stress.

Il cameriere deve sempre sapere di agire nel modo più corretto nonostante la fretta e la frenesia, mantenendo sempre un atteggiamento positivo. Mai lo stress che vive in cucina o in sala dovrebbe essere percepito dai commensali.

4- Pensa in fretta.

I buoni camerieri sono quelli che a livello personale sono agili, proattivi e decisivi. Professionisti che sanno come risolvere qualsiasi problema con un sorriso il più presto possibile, e se un cliente chiede qualcosa che la cucina non ha, consigliano rapidamente un piatto simile.

5- Sii orientato alla vendita.

I camerieri sono i venditori del ristorante, devono essere orientati alla vendita e quindi devono essere sempre pronti a dare buoni consigli in base a quello che c’è in cucina. Un buon cameriere deve anche ricordare le preferenze dei clienti abituali, le loro intolleranze o allergie alimentari.

6- Conoscere il menu.

Il cameriere perfetto è colui che conosce la composizione e il processo di creazione di tutti i piatti del menu, è in grado di rispondere immediatamente a qualsiasi dubbio dell’ospite. Dove anche provare ciascuno dei pasti sul menu, se possibile, in modo da poter dare consapevolmente suggerimenti ai clienti indecisi.

7- Sii molto attento.

Il cameriere deve essere attento ai clienti della sua sezione, assicurandosi che non si spazientiscano. Se i piatti arrivano in ritardo, è bene offrire un aperitivo durante l’attesa, informando i clienti del motivo del ritardo.

8- Sii educato e rispettoso.

Non dovresti mai proteggere i clienti, anche se sono conosciuti. Se non sai come risolvere un reclamo, devi richiedere la presenza del capo della struttura o del ristorante, se necessario, ma non entrare mai in una discussione con il cliente.

9- Conoscere le regole del protocollo nell’arte di servire il tavolo.

La professionalità del tuo ristorante si riflette nel tuo atteggiamento e nel tuo comportamento quando servi i piatti. Ricorda che il cibo deve essere servito a sinistra del commensale e portato via da destra. È servito prima alle signore e poi ai signori. Nel caso in cui sia necessario passare i vassoi sul tavolo, deve essere fatto da sinistra a destra in senso antiorario. Inoltre, prima di servire il dessert, tutti i piatti, le posate, le saliere, ecc. devono essere rimossi dal tavolo posizionando le posate appropriate per il dessert al suo posto.

10- Conoscere le lingue.

Oltre all’italiano, un buon cameriere è colui che sa come servire i clienti nella loro lingua. Se si lavora in paesi in cui si parla una lingua diversa dal’italiano, si dovrebbe avere una perfetta conoscenza della lingua, se in vece il ristorante si trova in una città frequentata da molti turisti è bene avere una bona conoscenza della lingua inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *